Cosa non fare per

Cosa non fare per

Quando si compra un drone per fare video, ci si trova immediatamente proiettati nel magico mondo delle riprese e del montaggio.

La vostra prima ripresa vi emozionerà e contemporaneamente vi disturberà: la scena ripresa dal drone è fluida bella, poi, improvvisamente una virata vi darà la nausea…



Il proposito di questo articolo è condividere la mia esperienza per evitare errori comuni di ripresa, con un netto beneficio in termini di tempo e riduzione di materiale da scartato.

In questa pagina non tratto argomenti quali:

  • Qual è il miglior software di video editing?
  • Qual è il miglior drone?
  • Qual è la domanda la cui risposta è 42?

Per evitare errori serve innanzitutto esperienza nel pilotaggio (quindi volate tanto). Una volta diventati bravi piloti è bene non sottovalutare la una pianificazione delle riprese, per arrivare sul campo con le idee chiare e uno schema di tutto quello che dovete fare. Se proprio non volete redigere uno storyboard, potete ovviare al problema dell’improvvisazione con un set di manovre standard ripetibili in situazoni simili.

Ora, con una storyboard in mano (forse) e tutte le skill da pilota esperto, si passa alla pratica. A seguito descrivo una serie di errori che ho fatto durante le riprese, creando ottimo materiale da pattume.

Cambio di direzione

L’errore avviene quando si vira bruscamente durante una carrellata (traslazione orizzontale o vericale del drone); il risultato è fastidioso e su schermi grandi può dare effetto vertigine.



Correzione di direzione

Forse questo è l’errore più diffuso: è simile al precedente, ma riguarda una piccola correzione di rotta (o un movimento della telecamera) durante una carrellata.

Cambio di angolazione

L’errore avviene quando si cambia bruscamente l’angolo di ripresa verticale.

Panoramiche non costanti

Fare una panoramica con il drone è tendenzialmente difficile. Con panoramica intendo una rotazione della telecamera sul piano orizzontale o o su quello verticale.
Durante una panoramica il movimento dev’essere fluido, altrimenti il risultato è davvero brutto. Molti droni hanno la possibilità di effettuare panoramiche agendo direttamente sul gimbal, dove è possibile configurare movimenti fluidi e inerzie, rendendo le cose più semplici; su tutti i droni con la telecamera fissa a prua le panoramiche orizzontali vengono fatte tramite la rotazone del drone sull’asse di imbardata. In questo caso le panoramiche diventano difficili e dipendono completamente dalla fermezza delle dita sui comandi e dalla rapidità di risposta del drone e da altre condizioni avverse, quali il vento o la bontà del segnale GPS.



Luminosità

Durante il movimento, il drone può trovare situazioni luminose differenti, come l’improvviso ingresso del sole nel campo di ripresa. Se la telecamera del drone non ha la luminosità bloccata, il sistema la varierà automaticamente. Il risultato è un cambiamento di luminosità complessiva della scena ripresa.

Video

Nel video vi sono gli esempi degli errori descritti.

root